Associazione Cuochi

  Avellinesi

Home
Scopi
Consiglio Direttivo
La storia
Onorificenze
Manifestazioni
Il Cuoco Irpino Campano
Il team di cucina calda
Ricette tipiche Irpine
Trova lavoro
Amici dei cuochi Irpini
Scriveteci

L'Associazione Cuochi Avellinesi nasce ufficialmente il 3 maggio 1993, alle ore 16,00. E' l'Hotel Serino ad ospitare l'atteso momento. Alla presenza del Presidente della Federazione Italiana Cuochi, Cavalier Renato Ramponi, si coronano gli sforzi posti in essere da Mario Bello, Pietro Roberto Montone e Nicola Pauciello. Tutto era nato dall'incontro tra Mario Bello e Pietro Roberto Montone, voluto caparbiamente dal segretario dell'Unione Regionale Cuochi della Campania, Ciro D'Elia. In un attimo si decise di dar vita anche in provincia di Avellino ad un'associazione di categoria. Un progetto che poteva sembrare arduo, ma che invece trov˛ l'immediato entusiastico riscontro dei cuochi irpini. Furono settimane di continui incontri con i colleghi. Ad ognuno si spiegava il progetto, le finalitÓ. Le adesioni, come detto, fioccarono. Il 3 maggio nella sala dell'Hotel Serino intervennero oltre 50 cuochi irpini. Negli occhi di tutti si poteva leggere la commozione per quel momento storico che ci si apprestava a vivere. A dar man forte intervennero il vice presidente per il Sud Italia della Federcuochi Carlo Palmiggiano, il vice presidente dell'URCC  Luigi Iannella, il vice segretario dell'URCC Pasquale Colardo, il segretario dell'Associazione Cuochi Salerno Ciro D'Elia e il suo presidente, Gerardo Novi. Alle 16,20 un emozionato Pietro Roberto Montone, a nome del comitato promotore, prese la parola per porgere il benvenuto ai presenti e per ringraziare i tanti ospiti ad iniziare dal presidente Ramponi, che avrebbe poi presedieduto l'assemblea di fondazione. Fece seguito l'intervento di Ciro D'Elia che ebbe parole d'elogio e compiacimento perchŔ anche in Irpinia si dava vita ad un sodalizio dei cuochi. Ramponi nel suo saluto illustrerÓ la figura del cuoco nel contesto moderno e l'importanza della Federcuochi. Successivamente darÓ il via alla trattazione dell'ordine del giorno. I soci De Cola Remo, Avagliano Gerardo e Caramante Sonia vengono eletti scrutatori. Quindi si passa all'elezione del primo Consiglio Direttivo Provinciale dell'Associazione. Dieci le candidature. Ramponi, anche a nome degli altri ospiti, chiede a questo punto di non votare e di eleggere tutti e dieci i candidati per acclamazione. E cosý con uno scrosciante ed interminabile applauso i soci Annichiarico Leopoldo, Annichiarico Pasqualina, Bello Mario, Casula Michele, Fanetti Rodolfo, Follo Domenico, Montone Pietro Roberto, Pauciello Nicola, Ricciardi Cristina e Lapolla Vito vengono eletti consiglieri. Resteranno in carica fino al 31/12/1995. Immediatamente viene riunito il nuovo organo per eleggere le cariche sociali. Mario Bello Ŕ il primo presidente dell'Associazione Cuochi Avellinesi. Nicola Pauciello Ŕ il suo vice. Pietro Roberto Montone Ŕ eletto segretario. Tesoriere sarÓ invece Cristina Riccardi. Vice segretario sarÓ Michele Casula. Dopo aver comunicato all'assemblea dei soci in attesa l'attribuzione delle cariche sociali, la prima assise viene sciolta. Sono le 19,20. Subito dopo prenderÓ il via quella che sarÓ la prima di una lunga serie di feste sociali. Si alzano i calici al cielo per augurare al nuovo sodalizio una prolifica vita.